Cinema.it

Cinema.it Tutto quello che riguarda il mondo del cinema del presente e del passato! Questa pagina tratta del cinema nella sua totalità.....non solo le nuove uscite cinematografiche ma anche del passato.

Questa pagina è stata creata per dare consigli e recensioni sui film,ma anche telefilm, per consigliarvi su cosa guardare quando in tv non danno nulla di interessante. Fornendo anche link e e stramming dove poterli vedere! Una pagina fatta per tutti i cineofili grandi e piccini. Perchè la grossa prerogativa del cinema è...che ci fa sognare!!!

Vecchia Hollywood e dintorni
01/03/2021

Vecchia Hollywood e dintorni

Una rara fotografia in cui Marilyn Monroe guida un’ auto. Lo scatto fa parte di uno degli ultimi servizi fotografici fatti alla diva, prima della sua morte nel 1962. Lo scopo era quello di mostrare il suo quotidiano, al di là dello star system. Il fotografo e’ George Barris, che dopo la morte dell’attrice decise di non rendere pubbliche le fotografie. Queste furono pubblicate solo in seguito. La camicia indossata da Marilyn e’ del pioniere della moda italiana, Emilio Pucci, in quel periodo da lei amatissimo. Aveva abiti di Pucci di tutti i colori che indossava anche nella vita di tutti i giorni. Proprio un abito verde dello stilista venne scelto come quello che la accompagnasse nel suo ultimo viaggio. Le scarpe sono invece del laboratorio artigianale fiorentino “Salvatore Ferragamo”, realizzate appositamente per l’attrice. La Ferragamo aveva un calco di legno del suo piede e le spediva scarpe a dozzine: quasi sempre stesso modello, Décolleté tacco 11, il preferito di Marilyn, di colori e materiali differenti.

TRAILER: Uno strano caso 1989
01/03/2021
Chances Are (1989) - Trailer

TRAILER: Uno strano caso 1989

Chances Are - Starring Cybill Shepherd, Robert Downey Jr, Mary Stuart Masterson, Ryan O'Neal, and Christopher McDonaldRelease Date: March 10, 1989

Harrison Ford actor
11/30/2020

Harrison Ford actor

David Prowse R.I.P 💒 ⚘

Vecchia Hollywood e dintorni
11/01/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Addio Sean.
Buon viaggio.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Lucille Ball è una delle attrici comiche più simpatiche del firmamento hollywoddiano, anche se ad Hollywood, nel senso classico, almeno all’inizio, resta ai margini del divismo. Debutta negli anni’ 30 ma non riesce mai ad emergere. Nel 1937 è nel cast di “Palcoscenico” di Gregory La Cava. E’ carina, brava e simpatica. Ma affianca Katharine Hepburn e Ginger Rogers. Farsi notare è troppo anche per lei. Per tutti gli anni ’40 recita in ruoli di contorno e, nell’ambiente, è chiamata la regina dei b Movies. All’inizio degli anni ’50 inizia uno spettacolo radiofonico, che poi viene portato nella nascente televisione americana. E’ il successo. Dal 1951 al 1974 Lucille Ball porta in scena diverse sit com (the Lucy show, Here’s Lucy, I love Lucy, me and Lucy…) che ancora oggi sono un successo e rappresentano il lato più divertente e bello della prima televisione americana.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Ava Gardner era definita dalla stampa “l’animale piu’ bello del mondo”, per descrivere la sua bellezza fiera e selvaggia e il suo carattere indomabile.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Hedy Lamarr, oltre che bellissima, è una donna intelligente e brillante. Durante la seconda guerra mondiale brevetta un sistema di comunicazione che, basandosi sul suono, può essere utilizzato per telecomandare i siluri. L’industria dei cellulari e della telefonia mobile si basa proprio sul brevetto che Hedy Lamarr aveva ideato negli anni 40. Sfrutta cioè lo stesso meccanismo della trasmissione delle onde e del suono che sarà alla base del Wi-Fi.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Rita Hayworth
“Ogni uomo che ho avuto si innamorava di Gilda e si svegliava con me”.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Marilyn Monroe è sempre stata una donna fragile ed insicura.
Da una parte la voglia di apparire, sorprendere e anche stupire mostrando il suo corpo. Dall’altra una forte timidezza e una riservatezza che arrivava al limite della nevrosi.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Angela Lansbury , la simpaticissima signora che capita sempre sulla scena di un omicidio, nella serie cult “Murder”, She wrote – la signora in giallo”, ha debuttato nel 1944 nel film Angoscia, come vanesia e perfida domestica della coppia Ingrid Bergman e Charles Boyer. Un debutto importante che le regala la prima delle sue tre infruttuose candidature all’oscar. Si specializza come caratterista al cinema e di interprete di commedie e musical a Broadway, per le quali vince 5 prestigiosi Tony Awards. Prima la Disney, che la chiama per “Pomi d’ottone e manici di scopa”, poi una serie di film in cui interpreta Miss Jane Marple di Agatha Christie, la fanno entrare nel cuore della gente e, anche e soprattutto grazie alla popolare Jessica Flatcher, diventa uno dei volti più amati di sempre.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Romy Schneider recita con la madre in una serie di film europei incentrati sulla principessa Sissi, Elisabetta di Baviera, ed è un successo senza precedenti. Lei è bella, fresca, brava. Sul personaggio della principessa dirà: “Sissi mi è rimasta appiccicata addosso, come la farina d’avena”. Intendendo che per molti anni verrá associata a quel personaggio, di cui era pur grata e che amava, ma che le fará anche far fatica per essere credibile in altri ruoli. Ci riuscirà, dando vita ad una carriera eccezionale e ricca di film d’autore memorabili.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

La pettinatura “Peekaboo Bang” di Veronica Lake, che le copriva con un’onda un occhio, la rese una figura facilmente identificabile e amatissima negli anni della seconda guerra mondiale. Incredibilmente la sua carriera declinó quando cambió il modo di acconciarsi i capelli. Il pubblico non gradì il cambiamento.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Montgomery Clift è stato uno dei giovani attori più dotati, ma anche più tormentati della sua generazione. Inizia la carriera con il teatro, ma questa si interrompe a causa della seconda guerra mondiale. Ha una seconda chance con Hollywood, dove il suo viso angelico gli offre molti ruoli. E' fragile ed insicuro e soprattutto nasconde a tutti la propria omosessualità causando una nevrosi che lo porta sul ciglio dell'esaurimento. Nel 1951 sul set di UN POSTO AL SOLE incontra Elizabeth Taylor che si innamora di lui. Clift le confessa la sua omosessualità e i due diventano amici per tutta la vita. Tornando da un party organizzato dall'attrice, nel 1957, durante la lavorazione de L'ALBERO DELLA VITA sempre con la Taylor, Clift ha un terribile incidente d'auto. Sembra fosse ubriaco e si sospetta fosse in tentativo di suicidio. Nell'incidente il divo si distrugge il volto. Liz Taylor lo veglia come una madre, pretende i migliori medici, le cure piu' efficaci e più costose, ma il volto di Montgomery Clift non sarà più quello di prima. Perde lo sguardo dolce e la capacità espressiva. Non smette di recitare, ma cade nella depressione e si dà all'alcool. La Taylor e' determinata: lo impone nel film IMPROVVISAMENTE L'ESTATE SCORSA. Inoltre lui dà una splendida interpretazione in VINCITORI E VINTI. Nel 1966 la Taylor lo impone nuovamente nel cast di RIFLESSI IN UN OCCHIO D'ORO, ma Montgomery Clift muore poco prima di infarto e verrá poi sostituito da Marlon Brando.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Paul Newman scherzava spesso sul fatto che fosse più' apprezzato per il suo aspetto fisico, che per la bravura d'attore. Simpaticamente dichiaró: “Mi immagino il mio epitaffio: Qui giace Paul Newman, che morì fallito e dimenticato da tutti perché i suoi occhi improvvisamente diventarono marroni".

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Tradizionalmente il bacio piu' lungo, scambiato tra due attori della Hollywood classica, è quello tra Cary Grant e Ingrid Bergman, nel 1946 nel film NOTORIUS di Alfred Hitchcook. Il bacio dura tre minuti, ma in realtà' si tratta di una serie continua di piccoli baci a stampo, interrotta da battute, una telefonata e la preparazione della cena. il regista fu obbligato ad interrompere la ripresa del lungo bacio dal codice di censura vigente, secondo il quale un bacio cinematografico non poteva durare piu' di 20 secondi. Ingrid Bergman ricordava che contava fino a 20 e poi staccava le labbra da Cary Grant, dicendo una piccola battuta, per poi ricominciare.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Il grande fotografo Richard Avedon disse di Audrey Hepburn: "Sono e sarò sempre sconvolto dalla presenza di Audrey Hepburn di fronte al mio obiettivo. Non mi è possibile migliorarla. E' lei e basta, ed è sempre lì. Posso solo registrarla, non mi è possibile interpretarla. Non è possibile renderla superiore a ciò che lei è già. E' come se fosse riuscita a realizzare in se stessa il suo più perfetto ritratto."

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

A Qualcuno Piace Caldo, 1959 di Billy Wilder con Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon e' universalmente considerata una delle piu' belle e divertenti commedie di tutti i tempi. Il regista Billy Wilder aveva inizialmente proposto Jerry Lewis per il ruolo di 'Daphne', che poi andò a Jack Lemmon. Jerry Lewis, allora l'attore comico piu' noto a Hollywood, rifiutò perchè non gli andava di travestirsi da donna. Quando Jack Lemmon ebbe una nomination all'Oscar per il ruolo che Lewis aveva rifiutato, e divenne uno degli attori preferiti di Billy Wilder, prese l'abitudine di mandare una scatola di cioccolatini a Jerry Lewis, ogni anno a Natale, per ringraziarlo di aver rifiutato la parte e avergli così dato la sua grande occasione.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

In molti rimanevano stupiti per la capacità naturale di Cary Grant a rispettare i tempi comici dei film che interpretava. Talento che non poteva essere insegnato e che faceva la differenza tra un attore di bella presenza e un grande divo. Questa capacità gli derivava dai lunghi anni di gavetta passati in un circo, dove faceva l'acrobata dall'etá di 14 anni.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Marlene Dietrich deve parte del suo successo artistico alla collaborazione con il suo maestro e regista Josef Von Sternberg. Insieme girarono 7 film nei primi anni '30, da l'Angelo Azzurro, 1930, in Germania, a Capriccio Spagnolo, 1935, a Hollywood.
Sono 7 gioielli cinematografici e tutti capolavori. Nel 1932 Josef Sternberg gira quello che viene considerato il massimo tributo alla sua musa: SHANGHAI EXPRESS. Trama e dialoghi sono in secondo piano rispetto al protagonista assoluto del film: il volto della Dietrich. Marlene Dietrich è al massimo della sua magia e bellezza. Il volto dell'attrice, sempre rigidissimo, per nascondere le luci che lo irradiano da dietro, in modo da rendere color oro la capigliatura in realtà castana, e' prima velato, dalla retina di un cappellino. Poi ombreggiato, per poi passare alla piena luce o essere avvolto dal fumo di una sigaretta.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

In "Susanna", Howard Hawks 1938, per la prima volta nella storia del cinema si pronuncia la parola " gay", come connotazione sessuale e non nel senso di “allegro”. Cary Grant, rimasto, nel corso della storia, senza vestiti, è costretto a mettersi una vestaglia chiaramente femminile. Davanti allo stupore di chi lo vede pronuncia: « I just went gay all of a sudden!» (« sono diventato improvvisamente gay!»). La frase non e' contenuta nel copione, è un'improvvisazione di Cary Grant e sicuramente è sfuggita alla censura del codice Hays perchè non ne e' stata compresa l'implicazione sessuale. Nel dialogo italiano del fim, e’ stata tradotta con “pazzo”.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Nel 1950 Claudette Colbert viene scelta per portare sullo schermo una commedia che a Broadway ha avuto un discreto successo. Ma due settimane prima di iniziare la lavorazione si ammala e al suo posto, contro il parere di un riluttante produttore, viene ingaggiata Bette Davis. È divertente il fatto che non sia stata lei la prima scelta per il film in cui verrà identificata per sempre e che resterà il suo ruolo migliore:
Margo Channing in EVA CONTRO EVA (All about Eve), 1950.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Le meravigliose gambe di
MARLENE DIETRICH

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Nel cast di EVA CONTRO EVA (All about Eve), 1950, compare una giovanissima Marilyn Monroe in un piccolissimo ruolo. Il suo agente ha lottato con le unghie per farle avere quella piccola parte. Il produttore non la voleva perché' non la riteneva sufficientemente fotogenica.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

La notte degli oscar 1935 Bette Davis è furente. A dispetto di tutte le previsioni non vince l’oscar. E’ candidata con il film SCHIAVO D’AMORE, in cui interpreta una poco di buono che fa di tutto per rovinare la vita di Leslie Howard, futuro Ashley di Via col vento. Il suo è un ruolo che nessuna attrice vuole interpretare, per non venire identificata con personaggi negativi in grado di rovinare una carriera. Bette capisce invece che si tratta di un ruolo unico e non solo lotta con le unghie per avere la parte, ma ne ottiene anche un’interpretazione strepitosa, acclamata da critica e pubblico. Tutti tifano per lei e non ci sono dubbi che la statuetta sarà sua. Ma a sorpresa quella notte il film ACCADDE UNA NOTTE, di Frank Capra, fa il jackpot dei premi più importanti, compreso quello di Claudette Colbert alla migliore attrice. E’ però troppo presto per comprendere davvero che ci troviamo davanti ad un classico e ad un cult del cinema mondiale, Bette Davis ha solo parole di risentimento. L’anno successivo l’Accademy la ripaga con un oscar tardivo per “Paura d’amare”. La Davis non sarà comunque soddisfatta: “mi hanno dato un oscar perché si sono pentiti di quello che non ho vinto lo scorso anno. Quest’anno vinco io a discapito di Katharine Hepburn che invece è stata la migliore interpretazione dell’anno con “PRIMO AMORE.”

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Joan Crawford e' da sempre una delle attrici piu' amate del cinema mondiale. Immagine della “Diva” a tutto tondo. Inizia nel periodo del cinema muto e si presenta al pubblico con il suo vero nome Lucille La Soeur. Il cognome ha una strana assonanza con "sewer" (fogna). La sua casa cinematografica lancia un concorso nazionale per trovare un nuovo nome alla nascente diva. Una donna di Albany propose il nome Joan Crawford e vinse 500 dollari.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Il vero cognome di Doris Day era l'impronunciabile Von Kappelhoff. Diventata famosa come cantante, ancora prima che come attrice, con la canzone intitolata " Day after Day" si vide cambiare con questa parola il suo cognome.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

LAUREN BACALL aveva solo 19 anni quando si innamorò di Humphrey Bogart. A 20 lo sposó. Combinó famiglia e lavoro, divenendo una grandissima diva e crescendo due bambini. A 33 anni era vedova. Bogart era stato il suo primo amore, l'uomo con cui si sarebbe confrontata tutta la vita. Si risposó una sola volta, con l’ attore Jason Robards, da cui nacque anche un figlio, ma il matrimonio non funzionó. Nel suo caso l'amore vero arrivó una volta sola.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

In un’epoca in cui le attrici italiane si imponevano con una bellezza mediterranea, Virna Lisi si fa spazio con la grazia del suo sorriso semplice e sincero. Attraverserà decenni di cinema da vera signora, restando sempre nel cuore del suo pubblico. Tra i suoi tanti meriti, anche quello di avere mostrato sullo schermo l’eleganza di una donna che sa accettare le sue rughe e che non teme di invecchiare.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/24/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

Il fatto che ad un certo punto della sua carriera, Monica Vitti, abbia scelto di interpretare molte commedie e si sia specializzata, con eccezionale talento, nelle parti comiche, ci ha forse distratti dalla sua incredibile bellezza senza tempo.

Vecchia Hollywood e dintorni
09/17/2020

Vecchia Hollywood e dintorni

1953 - sul set di “Gli uomini preferiscono le bionde” Marilyn Monroe e Jane Russell, coccolano un giovane attore bambino, di 7 anni, che nel film interpreta un milionario.

TRAMA:Dopo aver creato cielo, Terra, mari, animali e piante, il sesto giorno Dio crea l'uomo (ossia Fantozzi) e deluso d...
05/02/2020

TRAMA:Dopo aver creato cielo, Terra, mari, animali e piante, il sesto giorno Dio crea l'uomo (ossia Fantozzi) e deluso dal suo primo tentativo malriuscito si riposa. Dopodiché crea l'uomo in modo perfetto (Adamo) e la donna per lui (Eva). Su richiesta di Fantozzi, crea una donna anche per lui, la Pina. Per inganno di Eva, Fantozzi ruba una mela dall'albero proibito e così Dio punisce lui e la Pina scacciandoli dal Giardino dell'Eden, mentre Adamo ed Eva possono rimanere.

Era Preistorica: Fantozzi esce dalla caverna per fare pipì ma dovrà fare i conti con un dinosauro che gli urina addosso. Successivamente inventa la ruota allo scopo di spostare gli oggetti e proponendola a Filini, in difficoltà col suo mezzo, questi fraintenderà l'invenzione scambiandola per un bilanciere, grazie al quale riuscirà comunque a proseguire. Con l'invenzione di arco e frecce, Fantozzi cercherà di aiutare Filini nell'abbattere uno pterosauro; l'animale però schiverà la freccia e getterà un uovo sulla testa di Fantozzi, il quale verrà sbeffeggiato da Filini che distrugge la nuova arma.

Antica Grecia: Fantozzi ripete le gesta epiche di Fidippide, percorrendo a piedi e di corsa i 42 km e 195 metri che separano Maratona da Atene, per comunicare la vittoria contro i Persiani. Durante il tragitto, incontrerà un Filini in viaggio su una biga chiedendogli un passaggio, ma sfortunatamente l'uomo non si sta recando ad Atene e, anzi, lo pregherà di consegnare un pesante capitello al Senato. Quando arriva ad Atene, si è già dimenticato l'esito della battaglia e dovrà così rifare tutto il tragitto al contrario.

Anno 33 d.C.: Fantozzi vive sul Lago di Tiberiade e coltiva con fatica un piccolo orto. Quando i frutti della fatica cominciano a maturare, l'orto viene distrutto da un'orda di ragazzini venuti ad adorare Cristo, che cammina sulle acque. Nello stesso periodo, muore il ricchissimo zio di Fantozzi, Lazzaro; in vista dell'eredità che crede ormai prossima, Fantozzi brucia tutti i suoi miseri averi, ma la resurrezione di Lazzaro costringe i Fantozzi a trasferirsi a Gerusalemme, dove il protagonista lavorerà come falegname per Mosè Filini. Fantozzi dovrà consegnare una croce, ma per errore un soldato romano lo costringe a mettersi in fila con i tre che lo precedono (ovvero Gesù ed i due ladroni) ed anche lui verrà crocefisso sul Golgota.

Anno 1000: Fantozzi, di ritorno dalle crociate, dopo dodici anni di astinenza sessuale non vede l'ora di saltare addosso alla moglie Pina, che però indossa ancora la cintura di castità; avendo perso la chiave in battaglia, si recherà dal fabbro Filinus che gli darà un enorme mazzo contenente la copia. Dopo aver preso una sbandata per la principessa Melisenda Serbelloni Mazzanti Viendalmare, decide di tentare il suicidio gettandosi nel lago; un misterioso mago però lo fa desistere dal suo intento e gli consegna, a pagamento, la mitica spada Excalibur. Fantozzi andrà a gareggiare in un torneo dove il vincitore sposerà la principessa; grazie ad Excalibur, vincerà in finale sul temerario Drago Rosso Rampante, rifiuterà la principessa ed onorerà pubblicamente la sua famiglia, poiché durante l'incontro la Pina, per amore, gli aveva sottratto la vera spada con una falsa e che poi gli ha restituito l'originale vedendolo in difficoltà.

Inghilterra medievale: ridotto in miseria, Fantozzi è costretto a fare l'elemosina ma viene soccorso da Robin Hood, il quale, rubando ai ricchi per dare ai poveri, gli porta un sacco pieno di monete, per poi andarsene. Fantozzi corre entusiasta a casa mostrando alla famiglia le monete ma qui sopraggiunge di nuovo Robin Hood che, di nuovo con la pretesa di rubare ai ricchi per dare ai poveri, porta via a Fantozzi i soldi, lasciando lui, la Pina e Mariangela alla situazione di prima.

Rivoluzione francese: un aristocratico viene condannato a morte e quindi condotto al patibolo dove lo aspetta la ghigliottina. Tra la folla inferocita vi è anche il cittadino Fantozzi, ansioso di vederlo morto. Tuttavia proprio quando egli sta per essere decapitato la lama si blocca; Fantozzi sale sul patibolo lamentandosi dell'inefficienza delle ghigliottine e mentre la smuove, la lama riparte improvvisamente, evirandolo.

Roma, 1870: Fantozzi si trasferisce in città con la famiglia ma proprio mentre sta festeggiando l'avvenimento, la sua cucina viene distrutta da un bombardamento dei Bersaglieri durante la Breccia di Porta Pia. Intanto il nuovo capufficio, il torinese Modestino Balabam, coinvolge Filini, Fantozzi ed il resto dei dipendenti in una spossante gara di canottaggio sul Tevere, che vede sopravvivere solo Fantozzi e Filini. I due, dopo aver vagato per anni tra le fogne di tutta europa, raggiungono l'Oceano Atlantico per essere salvati da una nave durante il suo viaggio inaugurale, il "Titanich".

1893: Fantozzi assiste alle prime proiezioni dei Fratelli Lumière ed è l'unico a non spaventarsi alla visione di un treno che corre verso lo schermo. Tutti, terrorizzati, fuggono fuori dalla sala mentre lui rimane tranquillo divertito dalla reazione della famiglia e degli spettatori, ma la locomotiva esce dallo schermo e lo travolge.

Prima Guerra Mondiale: Fantozzi partecipa alla guerra come aviatore ed il suo compito è quello di segnare con delle tacche sull'aereo il numero degli aerei nemici abbattuti dal leggendario Barone Rosso. Fantozzi fa invece dei buchi sull'aereo che si spezza in due facendolo precipitare.

Anni venti: Fantozzi arriva come immigrato italiano con la sua famiglia negli Stati Uniti, durante l'età del Proibizionismo e vanno ad abitare in una squallida stanza nascosta accanto ad un locale che fa contrabbando di alcool. Arriva però la polizia, informata delle attività illecite nel locale; girando una manopola, la stanza dei Fantozzi si sposta al posto del locale, la polizia fa irruzione e Fantozzi viene preso e malmenato dai poliziotti che lo arrestano. La stanza ritorna così al suo posto e riprendono così anche le attività del locale.

Seconda guerra mondiale: un generale dell'aeronautica giapponese estrae a sorte tre valorosi volontari aviatori, fra cui "Tozzi Fan" (cioè Fantozzi), per una missione kamikaze. Deciso per fifa a non morire, Fantozzi abbandona il suo aereo e si nasconde in quella che crede una tranquilla città giapponese: Hiroshima, proprio durante lo sgancio della bomba atomica.

Roma, 1986: i ragionieri Fantozzi e Filini vanno a vedere la partita di calcio Italia-Scozia. Dopo aver ingaggiato una sanguinosa lotta con i tifosi scozzesi, restano intrappolati allo stadio fra le "trincee" nemiche, finendo per essere picchiati dagli avversari.

Nell'ultimo episodio, ambientato nel futuro, Fantozzi viene obbligato dal suo datore di lavoro a lasciare la propria abitazione perché questi vuole utilizzarla come garçonnière. Fantozzi decide però di festeggiare ugualmente, compiendo una passeggiata nello spazio e per rallegrare la moglie e la figlia comincia a dire che è un uomo fortunato: proprio in quel momento viene colpito da un grosso meteorite.

Address

WB, MGM, Titanus,ect....
Los Angeles, CA

Alerts

Be the first to know and let us send you an email when Cinema.it posts news and promotions. Your email address will not be used for any other purpose, and you can unsubscribe at any time.

Category

Nearby cinemas


Other Movie Theaters in Los Angeles

Show All

Comments

trailer :
iL LABIRINTO DI PERSONAGGI E ATTORI DI HITCHCOCK è PARI SOLAMENTE A QUELLO DI FELLINI. Per ordini urgenti e comodi: [email protected] DOVE COMINCIANO I PERSONAGGI E DOVE FINISCONO LE VITE VERE e PERICOLOSE DEGLI ATTORI del MAESTRO?